“ROGUE ONE: A STAR WARS STORY” molto più di uno spin off

Gareth Edwards è il vero Babbo Natale dell’anno

recensione di “ROGUE ONE”(usa,2016)

Quest’anno è stato l’anno di ottime serie tv di cui ho già parlato e che hanno fatto felici un sacco di persone, per essere precisi parlo di “ash vs the evil dead“(in realtà iniziata a fine 2015 e di cui si è conclusa da poco la seconda stagione), “preacher” e “westword“. Tre storie decisamente diverse ma che hanno in comune una qualità impressionante dell’immagine e degli effetti speciali, paragonabile ad una buona percentuale di film usciti recentemente al cinema. Per non parlare dei finali di stagione coraggiosi e per nulla prevedibili; rischioso ma perfetto per una serie televisiva che si presenta la prima volta al pubblico. Nel frattempo però al cinema arrivano prodotti che sono totalmente l’opposto di quello che dovrebbero essere, parlo ovviamente di quei film che hanno cercato di riportarci a vivere grandi classici come “Ghostbusters”, “Jurassic Park” ed “Independence day” ma che fondamentalmente sono delle brutte caricature degli originali. Volendo si può mettere in lista anche “Suicide Squad”, strano modo di riportare sul grande schermo uno degli antagonisti più amati ovvero il “Joker”. Insomma, nel mio caso, mi sono ritrovato a non sapere più cosa andare a vedere al cinema, ad ammettere che molte serie tv sono ottime tanto quanto (QUASI!!!) il cinema e sopratutto a non sapere più cosa scrivere su questo blog. Poi all’improvviso Boom!!! Arriva “Rogue One”. Il regalo perfetto per Natale portato dal Babbo Gareth Edwards.

rogue-one-japan-poster-header-1200x720

                Quando uscirete dal cinema vi verrà un incredibile voglia di rivedervi il capitolo IV.

Continua a leggere

Annunci

“Black mirror”: quando la fantascienza si confonde con la realtà

Quello che dovremmo vedere guardandoci allo specchio

News e notizie: nuovi episodi di “Black mirror”(Regno unito,2011-in corso)

Charlie Brooker è un personaggio molto attivo in televisione, in radio, sulla stampa e chi più ne ha più ne metta, ma quello che interessa a noi è ciò che ha combinato con questa serie tv. Già conosciuto per un’altra serie, Dead Setche consiglio agli amanti degli “zombie-movie”(piccolo gioiellino), in cui racconta di un gruppo chiuso nella casa di una sorta di “grande fratello” mentre nel mondo esterno succede quel succede, cerca di conquistare una fetta più ampia del pubblico con una serie decisamente originale. E con “black mirror” ha fatto assolutamente centro. Dopo due stagioni ed una puntata speciale per Natale torna con 6 nuovi episodi (ed altri sei in programma per il prossimo anno), già usciti da pochi giorni sulla piattaforma Netflix.

Black-Mirror-1.jpg

Continua a leggere

“Westworld”: quando i grandi giocano agli indiani e cowboy…

… ed Anthony Hopkins prende il posto di John Hammond

News e notizie: trailer della serie tv “Westworld”(Usa 2016-in corso)

Nel 1973  Michael Crichton diresse  Il mondo dei robottitolo originale “Westworld”, ed oggi il fratellino di Nolan con la sua moglie ha deciso di farne una serie tv. Dieci puntate da circa un’ora per raccontarci la storia di un parco a tema “leggermente” utopistico in cui i visitatori potranno giocare a fare i cowboy nel vecchio “West”e potranno divertirsi con le “attrazioni” (così chiamate dai creatori) che non sono altro che robot con il compito di fare da attori e sopratutto da vittime in questa simulazione  western. Mentre ci vengono raccontate le storie all’interno del parco, assistiamo anche a ciò che succede dietro le quinte ovvero nei laboratori dove tutto questo piccolo universo viene creato e controllato. E in tutto questo chi gioca a fare a Dio? Un attore che porta il nome di Anthony Hopkins, un John Hammond (“Jurassic Park” per intenderci) molto più attento alle sue creature, più maturo, che se inizialmente sembra un vecchietto che ha deciso di lasciare le redini del suo universo ai più giovani, dopo poche scene ci fa capire subito che lui sarà importante nello svolgersi della serie e che è solo all’inizio dal capire cosa vuol dire giocare a fare Dio.

Piccola parentesi

Logicamente anche qui c’è lo zampino dello Spielberg delle serie tv, quel J.J.Qualcosa (Abrams mi pare) da me tanto nominato in questo blog. 

A questo punto lo potrei rinominare Mr “J.J.Thuersday” perchè sempre in mezzo ai…

westworld-768x300

Continua a leggere

“Silicon Valley”: ma voi tipo Penny non ce l’avete?

…è come Big Bang Theory, ma è totalmente diversa.

News e notizie: trailer della serie tv “SILICON VALLEY”(Usa 2014-in corso)

Prima di parlarvi di questa stupenda serie tv vi spiego dov’eravamo finiti per tutto questo tempo. Come tutte le sere eravamo al bar a parlare di cinema, ovviamente, quando all’improvviso, verso la decima birra circa, uno di noi tira fuori il cellulare e comincia a correre come un matto in giro per il bar passando anche dietro al bancone, mirando non so cosa con il cellulare. Dopo aver appurato che stava testando il Beta di un nuovo giochino che sarebbe stato destinato ad avviare la prima vera invasione Zombie della storia dell’umanità, abbiamo deciso di provarlo tutti insieme. Per non so quanti giorni anche noi abbiamo vissuto da zombie assetati non di sangue ma di Pokemon e per di più ubriachi, ma per fortuna l’alcool ha smesso di fare il suo effetto e siamo riusciti a tornare alla realtà.

No ragazzi scherzo!!! Noi non abbiamo giocato a quel giochino maledetto, semplicemente siamo mancati per un po’ perchè abbiamo comunque una vita da vivere. E nel frattempo ci imbattiamo in cose a caso che scopriamo essere ciò che stavamo cercando. Passiamo quindi a parlare di “Silicon Valley”, una serie che dal mio punto di vista ha decisamente superato Big Bang Theory, e lo ha fatto senza bisogno di Penny. Si perchè in questa valley f**a niente!!!

Silicon-Valley-Cast-Logo

“Silicon Valley”: l’opposto totale di De Vallen ad Amsterdam

 

Continua a leggere

“Star Wars episodio VII : il risveglio della forza” e l’abbioccone da birra e snack salati

Nuovi autori su Alcolisti Cinefili

Recensione ubriaca di “Star Wars ep. VII”(Usa,2017)

Gli Alcolisti Cinefili alzano i bicchieri e danno il benvenuto ad un nuovo “critico da bancone”. Salute a BreakInBed, “abbioccatore” di professione e da ora anche Alcolista Cinefilo. Qui la sua avventura e prima recensione su uno dei film più attesi e poi discussi degli ultimi anni. Buona lettura.

E alzate i calici per BreakInBed.  

#Red#Sledding#

Immagine2.png

Continua a leggere

“31”: Rob Zombie torna con più cattiveria…

…e sopratutto con più pagliacci!!!

news e notizie: trailer di “31” (Usa,2016)

Di questo regista ne ho già parlato qui perchè i suoi film a me piacciono un sacco, perfino i remake di “Hallowen” (anzi i reboot) criticati da molti ma a me non me ne frega una “mazza inchiodata” (per rimanere nel genere). Rob Zombie è forte e pensare ad un nuovo film che, a detta del regista, è più violento dei precedenti e che avrà lo stile de “La casa del diavolo”(quindi anni ’70 per intenderci) è sicuramente da acquolina in bocca. La trama è semplice e scontata, alcuni ragazzi si ritrovano a dover sopravvivere la notte prima di Hallowen ad un gioco chiamato 31 in cui si deve semplicemente sopravvivere a degli spietati assassini presentati in classico stile “Zombieniano”, e qui sta tutto quello che ci serve sapere. Perchè per me l’amico Zombie è il regista moderno del cult vecchio, il “Tarantino dell’horror” (e se mi sente mi fa partecipare anche a me al gioco credo), i suoi film sembrano veramente essere stati girati in un altra epoca, non sono solo delle copie del vecchio cinema Horror, hanno qualcosa di personale e questo ultimo potrebbe diventare il suo “film d’autore” (questa una mia speranza personale).

31-poster-n.jpg

Continua a leggere

“X-men Apocalisse”: parla il Grande Puffo

Arriva la denuncia ufficiale del popolo blu!

News e notizie: scuse per il banner di “X-men apocalisse”

Il Grande Puffo, proprio lui, il vecchietto a capo del popolo “blucolorato” ha fatto una strana richiesta a noi Alcolisti Cinefili. Ha scelto noi per pubblicare l’ufficiale denuncia a riguardo del poster pubblicitario della Fox che ha fatto discutere molto in questi ultimi giorni. A detta dei Puffi sarebbero stati loro infatti i primi a sentirsi offesi e non il popolo femminile come invece appare su tutti i giornali internazionali. Di seguito l’immagine originale denunciata e la lettera ufficiale del grande Puffo.

800x451xx-men-apocalypse.jpg.pagespeed.ic.1uUMVkWZ_S.jpg

Bastava presentarla in bianco e nero!!!

Continua a leggere

“PREACHER”, ovvero come Terence hill avrebbe dovuto interpretare Don Matteo

Da fumetto a serie tv

News e notizie: trailer della serie tv “Preacher”(Usa 2016-in corso)

Se immaginavamo ai tempi del Terence pistolero il suo esordio futuro in una serie tv in cui interpretava un prete, ce lo saremmo immaginato più simile al “Preacher” di quel fumetto scritto da Garth Ennis e disegnato da  Steve Dillon negli anni ’90, piuttosto che a Don Matteo. Ma ormai è tardi, Don Matteo ce l’ho dobbiamo tenere.

Molti di voi forse non conoscono questo fumetto ma poco importa, se non avete voglia o tempo di cercarvelo andate a godervi qualche illustrazione pescandola dall’oceano “internettiano”, giusto per farvi un idea di cosa sia questo “Preacher”. Per chi invece conosce bene il predicatore Jesse , la pazza Tulip e il succhiasangue Cassidy, dopo aver visto il pilot della serie, sappiate che differenze ce ne sono molte ma sicuramente non vi potrà deludere. Sinceramente non mi sarei aspettato un prodotto di questo livello ma certo, dobbiamo aspettare le puntate future, sono comunque convinto che anche se andrà calando diventerà una delle serie più amate del sottoscritto (a braccetto con “Ash Vs EvilDead”). Staremo a vedere, intanto andate di corsa a spararvi la prima puntata, e fatelo anche se non siete appassionati di fumetti.

preacher-split

Ognuno ha il Don Matteo che si merita!!!

Continua a leggere

“Hardcore!” se siete veramente convinti di guardarlo…

…munitevi almeno di Joypad!!!

Recensione ubriaca: “HARDCORE!”(Russia, Usa, 2015)

Ho scritto in mille blog che trattano videogiochi, elettronica, software, hardware ecc. Ho chiesto ai sapientoni del web su YahooAnswer, sono arrivato perfino a consultarmi al Salvatore (di nome e di fatto) del web Aranzulla. Niente da fare, nessuno mi ha risolto questo problema che mi attanaglia da giorni, quindi chiedo a voi che mi seguite. Ho acquistato questo Hardcore!, sono arrivato a casa, ho inserito il disco nel lettore e l’ho fatto partire. Niente! Non funziona! Ho provato e riprovato, ma continua ad avere sempre lo stesso problema. In realtà sembra anche funzionare, ma appena provi a muoverti lui fa quello che vuole, e vi posso assicurare che non è un problema del Joypad perchè con gli altri videogiochi funziona perfettamente. Non so più cosa fare, sono disperato, vi prego aiutatemi voi. Insomma non posso godermelo senza giocarci come se avessi un amico che gioca al posto mio.

1hardcore.jpg

Premi X per sparargli in testa, premi O per staccargli il naso.

Continua a leggere